I videogiochi violenti servono a ridurre il senso di colpa

videogiochiviolentiestesa

Amate i videogiochi violenti? Ebbene, secondo quanto afferma uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Buffalo, e pubblicato recentemente sull’ultimo numero di Media Psychology, i videogiochi violenti servono a ridurre il senso di colpa dei propri giocatori.

Per arrivare a tale constatazione, gli studiosi hanno iniziato con l’osservare come – effettivamente – i videogiochi stiano diventando sempre più accurati e definiti. Sempre più reali, insomma. E sempre più reale è anche il senso di colpa che viene avvertito dai giocatori quando mettono a segno delle azioni non proprio positive.

Ma quanto dura il senso di colpa? È sempre lo stesso studio ad affermare che la risposta morale che viene generata dall’esposizione iniziale a un videogioco violento, diminuisce man mano che la persona gioca al videogioco violento. Non solo: più una persona tende a giocare con un videogame violento, e più il soggetto è desensibilizzato rispetto ad altri videogame dello stesso genere.

Anche se i meccanismi alla base di questo risultato non sono ancora del tutto chiari, secondo gli esperti è possibile che giocare ripetutamente a questo tipo di videogiochi possa finire con il rendere i videogiocatori sempre meno sensibili agli stimoli che inducono i sensi di colpa.